Seguici: RSS Articoli

You Are Here: Home » Affari Internazionali, Tutti i Post » I numeri del genocidio greco in corso

(DPA) VERTICE EUROGRUPPO: SI' AL PIANO SALVA-GRECIA

Senza mezzi termini, ciò che sta succedendo al popolo greco è qualcosa di assimilabile a un genocidio. Il capitalismo finanziario, con la faccia coperta dalle mani di Unione Europea, FMI e BCE, sta continuando a mangiar vivo un Paese con una Storia e una Cultura millenarie che, dicono i malevoli, sarebbe entrato in crisi per la famosa faccenda “dell’aver vissuto al di sopra delle proprie capacità per anni”. Buffonate: la Grecia è ora in ginocchio per una volontà esterna allo Stato e sovranazionale che ha trovato il beneplacito di chi occupa le poltrone politiche nazionali per poter entrare a ritirare ricchezze, comprare il comprabile e far calare la spada di Damocle su un popolo come tanti altri d’Europa, con difetti, sì, ma con anche tanti pregi e nessuna colpa per meritarsi ciò che sta accadendo da ormai qualche anno.

La si può pensare poi come si vuole ma c’è un qualcosa di fronte al quale non si può che star cheti e riflettere: i numeri. Tristemente interessanti sono, in questo caso greco, quelli riguardanti la differenza tra cittadini greci nati e cittadini greci morti negli ultimi anni. Da un sito in lingua greca ho trovato le statistiche che partono addirittura dal 1932 e arrivano fino all’anno scorso. Il tutto testimonia come la difficoltà a vivere il momento storico, la sfiducia nell’avvenire e la facilità (sigh) con cui si può ormai morire in Grecia rendano il saldo tra nati e morti ormai negativo da due anni. Qua sotto lo screenshot e poi anche il link con la fonte del sito greco. Tutto terribilmente triste ma vero, verissimo.

Le 4 colonne: anno – nati – morti – differenza

dati greciaFonte greca

E.

[del.icio.us] [Digg] [Facebook] [Google] [MySpace] [StumbleUpon] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Yahoo!]

Rispondi all'Articolo

© 2014 People Don't Know · RSS Articoli ·